Il Presidente della Commissione di Coordinamento

 

  1. Rappresenta la BCA presso gli organismi accademici e presso gli organi di programmazione e di coordinamento nazionali, regionali o locali relativi ai sistemi bibliotecari;
  2. è eletto tra i rappresentanti delle strutture primarie nella Commissione di Coordinamento;
  3. convoca in seduta ordinaria almeno tre volte l’anno la Commissione di Coordinamento e in via straordinaria per sua iniziativa o su richiesta di almeno un terzo dei suoi membri;
  4. al Presidente si applicano, in quanto compatibili con la strutturazione amministrativa data alla Biblioteca dal presente statuto, le norme del vigente Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità concernenti competenze e funzioni del Direttore di Dipartimento.

Il Presidente della Commissione di Coordinamento della BCA per il quadriennio 2016-2020 è il

Prof. Domenico Pierangeli

Interessi di ricerca:
Nel solco del pensiero del Prof. Andrea Famiglietti si è occupato di selvicoltura naturalistica, in particolare studiando l'evoluzione delle formazioni boscate naturali e artificiali di conifere, la rinnovazione dell'abete bianco in formazione pura e consociata con il faggio. Ha applicato, per la prima volta in Basilicata, l'indice bioclimatico proposto da Mitrakos e un programma informatico per la visualizzazione di aree di saggio, "SDS", in rimboschimenti e in formazioni naturaliformi.
Da una ampia indagine di campo ha selezionato i migliori fenotipi di frassino meridionale (Fraxinus oxycarpa Bieb.) realizzando due arboreti didattico-sperimentali. Sempre nel campo dell'arboricoltura da legno ha svolto una estesa campagna di rilevamento degli impianti realizzati in Basilicata con i fondi comunitari ai sensi del Reg. 2080/92, individuando carenze ed errori e suggerendo le opportune tecniche da adottare. Parallelamente ha indagato alcuni territori lucani al fine di stimare le quantità legnose potenzialmente ritraibili da avviare alla produzione di energia.
Ha costituito un notevole catalogo relativo alle piante monumentali della Basilicata. Riguardo la progettazione e gestione del verde urbano e funzionale ha approfondito il rapporto fra territorio, verde funzionale e aree coltivate in chiave storica e sociale in un centro religioso della Valle dell'Agri (Santa Maria d'Orsoleo) e presso la Certosa di Padula. Interessante è stato ricostruire il territorio con i suoi usi e riproporlo in chiave moderna e funzionale. Il verde urbano è stato osservato nei suoi componenti arborei in rapporto con la rete dei servizi urbani, con la ricostruzione di percorsi verdi e con la realizzazione di nuove tipologie di aree attrezzate verdi, da rendere accessibili anche ai disabili. Inoltre si è occupato della pianificazione territoriale in chiave ecologica, in particolare nelle aree protette. Infatti, come consigliere dell'Ente Parco Nazionale del Pollino ha avuto modo di approfondire le problematiche naturalistiche nell'ambito del Piano del Parco e più in generale la compatibilità di interventi antropici in aree protette.Su basi storiche e indagini di campo (realizzazione di una rete di aree di saggio permanenti) sta valutando le componenti abiotiche quali fattori determinanti per la distribuzione dell'abete bianco e del pino loricato nell'appennino lucano
.

Mail: domenico.pierangeli@unibas.it
Telefono: 0971205251
Cell. 3293606255